Articoli scientifici
Pinne, DNA barcoding (Holmes et al., 2009)
Scritto da Fabrizio   
Martedì 29 Dicembre 2009 12:56

Titolo originale

Identification of shark and ray fins using DNA barcoding.

Titolo in Italiano

Identificazione delle pinne di squalo e razze tramite DNA barcoding

Autori

Holmes, B. H.; Steinke, D.; Ward, R. D.

Ente di appartenenza

CSIRO Wealth from Oceans Flagship, CSIRO Marine and Atmospheric Research, GPO Box 1538, Hobart 7001, Tasmania, Australia.

Email dell’autore

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Rivista

Fisheries Research 2009 Vol. 95 No. 2/3 pp. 280-288

A livello mondiale si assiste ad una notevole carenza di dati necessari a identificare numerose specie di squali e razze. In buona parte ciò è dovuto alla loro inaccurata raccolta e alla difficile identificazione di diverse specie di condritti e di loro parti anatomiche. Specie molto simili tra loro, esemplari mal conservati, o a cui siano stati rimossi gli elementi chiave per la loro classificazione sono spesso impossibili da classificare. Nell’ambito della ricerca è stata esaminata la possibilità di utilizzare il DNA barcoding su reperti biologici per identificare le specie di squalo. La sperimentazione è stata svolta su una partita di pinne essiccate, sequestrata dalle autorità ad un’imbarcazione che pescava di frodo nelle acque territoriali australiane. 211 pinne pettorali sinistre sono state esaminate. Di queste, 18 non hanno potuto essere analizzate, mentre per le restanti 193 sono stati ottenuti dati utili all’identificazione delle specie di appartenenza tramite confronto del loro DNA con quelli contenuti in uno specifico database. In particolare, è stato possibile identificare 20 specie di squali e 7 specie di razze. La specie più rappresentata (pari a circa il 22% del totale delle pinne) è risultata appartenere al Carcharhinus dussumieri. Molte delle specie identificate sono risultate presenti nella lista Rossa della World Conservation Union (IUCN). Lo studio ha, quindi, messo in evidenza che il metodo può essere utilizzato dalle autorità preposte al controllo della pesca per identificare gli illeciti commessi dai pescatori di frodo.