Documentari
Gli anni '60 e '70
Valutazione attuale: / 10
ScarsoOttimo 
Scritto da Fabrizio   

 

MARE BLU, MORTE BIANCA

La ricerca del grande squalo bianco

Titolo originale: Blue Water White Death

 

di Peter Gimbel

1971, Cinema Center Film e Blue Water Film Corporation
Durata: 96 minuti

Primo vero documentario sugli squali, Mare blu morte bianca rappresenta tutt’ora una delle opere più spettacolari che siano mai state prodotte. Girato nel 1971 da Peter Gimbel, il film rappresentò il trampolino di lancio per Ron & Valerie Taylor che, fino ad allora, erano conosciuti più per le loro imprese come campioni di pesca subacquea che per la loro competenza nel campo della produzione di film e documentari sugli squali. I mari di Ceylon, Sudafrica, Madagascar ed Australia fanno da cornice ad una delle più ambiziose produzioni dell’epoca, avente come obiettivo primario la ricerca del grande squalo bianco. Bellissime le riprese delle immersioni fuori gabbia tra decine di longimanus intenti a predare una carcassa di balena e le prime immagini mai girate su squali bianchi nel loro ambiente naturale.

 

UOMINI E SQUALI

 

di Bruno Vailati

1976, Finvalco

Durata: 91 minuti

 

Uno dei documentari di maggiore successo del regista e subacqueo italiano Bruno Vailati, Uomini e squali rientra nel filone di lungometraggi degli anni ’70 che si inserirono nella scia dello riuscitissimo Mare blu, morte bianca. Girato tra il Mar Rosso, i Caraibi, la Polinesia e l’Australia, contiene alcune sequenze spettacolari quali l’incontro con centinaia di squali martello nelle acque del mare di Cortez, con le orche marine e l’attacco (presumibilmente montato ad arte) ai danni di un subacqueo da parte di uno squalo. Così come nello stile dei documentari dell’epoca, una sequenza è dedicata all'uccisione, a colpi di fucile subacqueo, di decine di innocui squali al largo delle coste di Sidney.